New album “Coraggio”

Ho creato questa pagina per raccontarvi il mio terzo progetto discografico “Coraggio”, che è anche diventato un progetto fotografico, immaginato, sviluppato e poi messo al mondo grazie al grande aiuto di Cinzia Capparelli (bravissima fotografa e amica). Abbiamo cercato insieme di raccontare la stessa storia con due linguaggi diversi, quello musicale e quello fotografico, con l’intento di descrivere, a cuore aperto, una realtà, un mondo interiore, attraverso una finzione.
Come sempre mettersi a nudo e poi esporsi non è semplice, ma ci proverò ancora…con “Coraggio”. 🙂
A prestissimo…
Laura

Ho scoperto che le parole hanno un potere performativo, creano la realtà.

Quando ho iniziato a scrivere questo album ho scelto la parola “Coraggio” e probabilmente non sapevo ancora quanto mi sarebbe servito, questo coraggio, per portare a termine il mio progetto discografico. Il Coraggio non è assenza di paura, è proprio paura, ma paura che cammina, che avanza, che non si ferma.

La parola Coraggio me la porto dentro da un po’: la vita ci espone costantemente a nuove esperienze di ogni tipo e ci chiama, direi quotidianamente, e a volte anche improvvisamente, a compiere piccoli e grandi atti di coraggio.

L’ho scelta come fosse un piccolo mantra da ripetere, da tenere con me ma soprattutto da condividere con gli altri affinché si moltiplichi, proprio come si fa con l’Amore.

Quindi lo invoco e lo porto con me il Coraggio e ho voluto fermarlo in questo album, così che rimanga per sempre impresso nella mia vita e, spero, anche nella vita di chi mi ascolta…

Laura


Video


 

Teaser dell’album:

 

 

Video recording: “Chi è straniero?”

 

 

Video recording: “Il segreto del successo”

 

 

Videoclip: “Tempo”

 


Fotografie e testi di “Coraggio”


 

Il Segreto del Successo

( Laura Lala)

Il segreto del successo è tenerti stretto stretto a me, fingendo che già dormo, inseguendo e cercando un’umanità.

Il segreto del successo è avvicinarmi anche se è evidente che ho paura di trovare davvero l’intimità.

Ti appartengo e tu appartieni a me ma quanto costa dirti che ti sento nelle ossa e coltivo ogni giorno fragilità.

Ho incontrato di notte la mia città e le ho chiesto se sa che colore ha, ho soltanto bisogno di compagnia e della musica…

Ho incontrato di notte la mia città e le ho chiesto se sa quale odore ha, ho soltanto bisogno di compagnia e della musica…

E se c’è la musica, c’incontriamo nella musica, ci parliamo con la musica, ed io ho voglia di musica, di sentirti nella musica, di spogliarmi con la musica, musica…

Resteremo vicini, pur essendo lontani, parleremo due lingue, tu con i piedi e io con le mani.

Resteremo vicini, pur essendo lontani, parleremo due lingue, tu con i piedi e io con le mie mani, tu con i piedi e io con le mie mani.

E che vinca il più debole, ma che il più forte non pianga, questa regola è ora che qualcuno la infranga.

Il segreto del successo è tenerti stretto stretto a me, fingendo che già dormo, inseguendo e cercando un’umanità.

Ti appartengo e tu appartieni a me ma quanto costa dirti che ti sento nelle ossa e coltivo ogni giorno fragilità.

Ho incontrato di notte la mia città e le ho chiesto se sa quale odore ha, ho soltanto bisogno di compagnia e della musica, musica…

Resteremo vicini, pur essendo lontani, parleremo due lingue, tu con i piedi e io con le mani.

Resteremo vicini, pur essendo lontani, parleremo due lingue, tu con i piedi e io con le mie mani, tu con i piedi e io con le mie mani.

 


Un ci la fazzu chiù

(Laura Lala)

Un ci la fazzu chiù a suppurtariti ad annacariti, ‘un pari l’ura ca finisci!

Un ci la fazzu chiù a suppurtariti ad annacariti, e mancu sacciu si finisci, ca finisci, comu finsci…?

Ti mittissi a lu postu me pi na jurnata, ti facissi viriri chi bella passiata!

Secunnu mia un t’abbasta, picchì un ghiornu è poco pi sentiri la vita cu l’arma a ferro e focu.

Prima di parrari, mettitillu in testa, l’occhi c’ha taliari a ‘na persona onesta.

Cuntami na storia di un cristianu sulu ca pirdio li sogni ad uno ad uno.

Un ci la fazzu chiù a suppurtariti ad annacariti, ‘un pari l’ura ca finisci!

Un ci la fazzu chiù a suppurtariti ad annacariti, e mancu sacciu si finisci, ca finisci, comu finsci…?

Quanto av’a durari sta nuttata un lu sacciu, quanto av’a durari ca m’a’ sentiri d’impaccio?

Cuntami na storia di un cristianu sulu ca pirdio li sogni ad uno ad uno.

Un ci la fazzu chiù a suppurtariti ad annacariti, ‘un pari l’ura ca finisci!

Un ci la fazzu chiù a suppurtarimi ad annacarimi, mancu saccio, si finisci ca finisci, comu finisci…?


Chi è straniero?

(Laura Lala)

Scusi mi lasci passare, non chiedo il permesso, l’ho visto già ieri e già mi è successo: rivolgo ogni giorno parole agli estranei.

Ciao, come stai? Con me puoi parlare ed io posso darti una mano, che cosa è successo e perché quell’uomo ti è saltato addosso?

Tu non mi vuoi guardare e non mi vuoi parlare e certo ma adesso di chi ti puoi fidare?

A casa vuoi tornare, qualcuno ti ha fatto piangere e adesso ti vogliono pure intervistare, mica male!

 

Io mi chiedo chi qui è il prigioniero e ho bisogno di un consiglio vero: dai spiegatemi chi qui è straniero?

Altrimenti divento matta anch’io.

 

Io conosco la tua lingua, ti dico una parola ma l’agente ti vuole parlare.

Guardiamo insieme un giornalista che inciampa su una busta e un sorriso ti riesco a strappare, menomale!

 

Io mi chiedo chi qui è il prigioniero e ho bisogno di un consiglio vero: dai spiegatemi chi qui è straniero?

Altrimenti divento matta anch’io!

Che mi chiedo chi qui è il prigioniero e ho bisogno di un consiglio vero: dai spiegatemi chi qui è straniero?

Altrimenti divento matta anch’io, altrimenti divento scema io, altrimenti divento matta anch’io.


Ferma

(Laura Lala)

C’è un momento in cui la vita si fa dura

E t’inchioda fermamente alla parete la paura

E ripenso a tutti quanti quei tramonti che non guarderemo insieme: ti ho lasciato, ma ti voglio ancora bene.

Trasi lu ventu ca sbatti li porti, sentu una vuci ca grida forti e quannu mi risvegliu la mattina la risposta è una sula: dovevi stare ferma, davanti alla paura, agitariti un ti servi a trovariti la cura.

La conosci questa lingua? Le capisci le parole? E ti arriva la pazienza con cui ho provato a dire amore?

 

C’è un momento in cui la vita è troppo dura

E ti schiaccia come foglia sulla strada la paura

E ripensi a tutti quanti quei momenti in cui sorridevi e ti chiedi: riproverò quei sentimenti?

E poi trasi lu ventu ca sbatti li porti, sentu una vuci ca grida forti e quannu mi risvegliu la mattina la risposta è una sula: dovevi stare ferma, davanti alla paura, agitariti un ti servi a trovariti la cura.

La conosci questa lingua? Le capisci le parole? E ti arriva la pazienza con cui ho provato a dire amore?

La conosci questa lingua? Le capisci le parole? E ti arriva la pazienza con cui ho provato a dire amore?

 

C’è un momento in cui la vita è troppo dura

Ti sovrasta come il mare in tempesta la paura

Ho trovato una scialuppa, un salvataggio: appellarsi alla speranza, si, ma con forza e coraggio.


Occhi Chini

(Laura Lala)

Riflettendoci sai penso che questa vita non fa più per me

E la regola numero tre è occhi chini d’amuri per me!

Sto diventando, diventando un po’ più simile a me, sto cantando e diventando molto simile a me!

 

Due carezze su gli occhi ti do e le labbra tue io bacerò

Me ne vado e sorrido perchè, aju, l’occhi chini d’amuri per me!

Sto diventando, diventando un po’ più simile a me, sto cantando e diventando molto simile a me!

 

Ho nascosto le voci e anche se ogni viscera parla di te me ne vado e sorrido perché, sarai eternamente con me.

Sto diventando, diventando un po’ più simile a me, sto cantando e diventando molto simile a me!

 

Ti sorprende la forza che ho? Questa volta mi proteggerò, me ne vado e sorrido perchè, aju, l’occhi chini d’amuri per me!

Sto diventando, diventando un po’ più simile a me, sto cantando e diventando molto simile a me!


Tempo

(Laura Lala)

 

Tempu, maledettu Tempu

Tempu, cu lu ciatu ‘ncoddru

E Tempu, ca mi veni appressu

Tempu, vintu e tempu persu

Maledettu tempu trovati un impegnu pigghia u passaporto e vattene all’inferno!

 

Tempu, va currennu Tempu oppuri tempu ca ‘nni pari eterno!

E passa tempu, ca ‘nni leva Tempu e tu pensi: Tempu staju pirdennu Tempu!

Maledettu Tempu trovati un impegno pigghia u passaporto e vattene all’inferno!

Ma io m’addivertu, m’innamoru e minni futtu di lu Tempu!

 

Oh Tempu, travagghiatu e perso

Ah Tempu Tempu Tempu, Tempu disunestu!

Eh Tempu, longu e controversu

Ma Tempu, sulamenti Tempu!

 

Maledettu Tempu trovati un impegnu pigghia u passaporto e vattene all’inferno!

Ma io m’addivertu, m’innamoru e campu puru senza Tempu!

 

Oh allestiti un c’è Tempu, ah!

Vidi ca sta finennu!

Allestiti un c’è Tempu, un ci nn’è cchiù!

Allestiti un c’è Tempu e curri!

Curri ca sta finennu, curri!

Allestiti un c’è Tempu, ah un ci nn’è cchiù, ah!

Allestiti un c’è Tempu, curri ca sta finennu!

Allestiti un c’è Tempu, un ci nn’è cchiù!

Allestiti un c’è Tempu, curri ca sta finennu!

Allestiti un c’è Tempu, un ci nn’è cchiù!


Sugnu cu tia

(Laura Lala)

 

Pigghia na valigia ri cartuni e mettici li sogni, parti i notti p’un turnari cchiù.

Passa notti e passa jornu sulu cu lu mari intorno, chianci e pensi r’un turnari chiù.

 

Ma io ca sugnu cu tia, sugnu cu tia, vaju circannu na fotografia, sugnu cu tia.

 

Roppu pensu venti jorna, mentri ca lu suli agghiorna fusti tu lu primu ca taliò.

P’un secunnu ti vutasti, cu la faccia nna li mani, poi curristi e un ti vutasti chiù.

 

E io ca sugnu cu tia, sugnu cu tia, puru s’iddu tu un pensi a mia, sugnu cu tia, c’è me patri ca mi talia, ma Io aspetto a tia.

 

Cu ddà valigia mmenzu u mari sulu pensu a tia

Scurdari oppure ricurdari? Chissu porta alla follia!

Lassarisi a li spaddi la cirtizza di un’amuri o taliari un monnu novu chinu chinu di pauri?

 

E io ca sugnu cu tia, sugnu cu tia, puru s’iddu tu un pensi a mia, sugnu cu tia, c’è me patri ca mi talia, ma Io aspetto a tia.

 

Tutti i jorna quannu è scuro cu li pedi ammoddu all’acqua chianciu e penso c’un turnasti chiù.

Iddu dormi nna lu lettu e quannu chiue  e grapi l’occhi viu ca nn’iddu sguardu ci si tu…


Saprò Solo Vivendo

(Laura Lala)

 

Saprò solo vivendo, se è mio quello che sento, che tutte le parole non sanno raccontare.

 

Levo metto, aggiungo tolgo, nego ammetto, poi ricomincio, analizzo frammento tutto, poi torno indietro e rivedo il brutto.

 

Saprò solo vivendo, se tu mi stai sentendo, se tutta la mia luce ti arriva sotto voce.

 

Se ti piace, se ti consola, se raggiunge il tuo nodo in gola, se esser buona nell’aggredire o rinunciare per poi patire.

 

Saprò solo vivendo, se è mio quello che sento e se tutte le parole non riusciranno a dire…

 

Saprò solo vivendo, appesa ad un gerundio.